Tumori Newsletter

ALERT Oncologia !
 
Top News / Immunoterapia oncologica, come cambia la lotta ai tumori
 

Immunoterapia, una nuova era in oncologia: la sfida tra Merck e BMS

L’immunoterapia è ora una sfida tra Bristol-Myers Squibb ( BMS ) e Merck ( in Italia: MSD ), e riguarderà in una prima fase il melanoma nella sua forma avanzata.

Bristol-Myers Squibb ha ottenuto ( dicembre 2014 ) l’approvazione da parte dell’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti,  FDA ( Food and Drug Administration ) dell’immunoterapico Opdivo ( Nivolumab ) con un anticipo di tre mesi sulla data prevista. CONTINUA

Speciale Nivolumab ( Opdivo ) / BMS

Sopravvivenza, remissione duratura della malattia e sicurezza a lungo termine in pazienti con melanoma in stadio avanzato trattati con Nivolumab

PD-1 ( morte cellulare programmata 1 ) è un recettore inibitorio espresso da cellule T attivate che downregola le funzioni effettrici e limita la generazione della memoria immune. Il blocco di PD-1 può mediare la regressione del tumore in una … Leggi

Alto tasso di risposta con Nivolumab nel linfoma di Hodgkin classico recidivato o refrattario

L’immunoterapia con l’anticorpo anti-PD-1, Nivolumab ( Opdivo ), ha prodotto un tasso di risposta dell’87% in una coorte di pazienti con linfoma di Hodgkin classico recidivato o refrattario. I pazienti in uno studio di fase 1 di incremento … Leggi

Carcinoma a cellule renali metastatico: Nivolumab ha dimostrato attività antitumorale con un profilo di sicurezza gestibile

Nivolumab ( Opdivo ) è un anticorpo IgG4 completamente umano ad azione inibitoria del checkpoint immunitario PD-1 ( morte programmata 1 ), in grado di ripristinare attività immunitaria delle cellule T. Uno studio di fase II ha valutato … Leggi


Focus On: il caso Kadcyla

Tumore alla mammella HER2+ / L’insuccesso dello studio MARIANNE inciderà negativamente sulle vendite di Kadcyla

Roche la società produttrice di due farmaci per il tumore alla mammella HER2-positivo, Kadcyla ( Trastuzumab emtansine ) e Perjeta ( Pertuzumab ) ha comunicato che la combinazione a base di Kadcyla e di Perjeta non migliora la sopravvivenza libera da progressione ( endpoint principale nello studio MARIANNE ) rispetto a Kadcyla da solo, o al vecchio trattamento Herceptin ( Trastuzumab ) più taxano. CONTINUA

Precedente Ricerca di Informazioni Validate sui Tumori ? OncoBase.it Successivo Tumore al seno: è sempre necessaria la chemioterapia ?