Carcinoma alla mammella: terapia ormonale versus chemioterapia

Tumore al seno: il 70% delle pazienti potrebbe necessitare solamente della terapia ormonale

I risultati dello studio TAILORx rappresentano uno dei maggiori progressi degli ultimi decenni nel campo della ricerca sul cancro alla mammella.
Sette donne su dieci con un tumore mammario in fase precoce potrebbero essere trattate solo con terapia ormonale, evitando gli effetti collaterali della chemioterapia.

Il profilo della paziente che non necessita di chemioterapia sarà definito dallo screening di 21 geni.

Lo studio TAILORx ha preso in esame 10.273 donne con la più comune forma di tumore alla mammella.
E’ risultato che solo il 30% delle pazienti con tumore alla mammella in fase iniziale può trarre benefici dalla chemioterapia, mentre il 70%, ovvero 7 donne su 10, subiscono solo gli effetti indesiderati come nausea, febbre, affaticamento e perdita dei capelli. ( CONTINUA )

Precedente Carcinoma uroteliale con alterazioni FGFR: Erdafitinib Successivo Carcinoma al polmone non a piccole cellule: Keytruda come terapia di prima linea