Oncologia Newsletter

ALERT Oncologia !
Top News / European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Congress
OncoPneumologia

Pembrolizumab prolunga la sopravvivenza nel tumore del polmone non-a-piccole cellule PD-L1-positivo, in fase avanzata

Dallo studio KEYNOTE-024 è emerso che Pembrolizumab ( Keytruda ) ha esteso, in modo significativo, la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale rispetto alla chemioterapia a base …

Tumore del polmone non-a-piccole cellule non-squamoso in fase avanzata: il trattamento di prima linea con Pembrolizumab associato alla chemioterapia ha migliorato i tassi di risposta e la sopravvivenza senza progressione

Lo studio KEYNOTE-021, coorte G, ha mostrato che l’aggiunta di Pembrolizumab ( Keytruda ) alla chemioterapia standard di prima linea con Carboplatino e Pemetrexed, ha migliorato in modo significativo …

Selumetinib associato a Docetaxel non estende la sopravvivenza nel tumore del polmone non-a-piccole cellule KRAS-mutato

Uno studio di fase 3, SELECT-1, ha mostrato che l’aggiunta di Selumetinib, come seconda linea, a Docetaxel non ha migliorato gli esiti tra i pazienti con carcinoma del polmone non-a-piccole cellule ( …

Atezolizumab prolunga la sopravvivenza globale nel carcinoma del polmone non-a piccole cellule precedentemente non-trattato

Atezolizumab ( Tecentriq ) ha esteso in modo significativo la sopravvivenza globale rispetto a Docetaxel nei pazienti sottoposti a trattamento di seconda o di terza linea per il cancro al polmone non- …

OncoUrologia

Pembrolizumab attivo nel carcinoma uroteliale avanzato nei pazienti non-eleggibili per la terapia a base di Cisplatino

Uno studio di fase 2 ha mostrato che il trattamento di prima linea con Pembrolizumab ( Keytruda ) ha prodotto una notevole attività antitumorale nei pazienti con tumore uroteliale, non-operabile, avan …

OncoNeurologia

Nivolumab migliora gli esiti e i sintomi riferiti dai pazienti nel tumore del testa-collo recidivato o metastatico

L’analisi dei dati qualità-di-vita dello studio CheckMate 141 ha mostrato che gli esiti e i sintomi riferiti dai pazienti con carcinoma a cellule squamose del testa-collo ( HNSCC ), recidivato o metas …

Farmacovigilanza

Cancro alla prostata: la terapia di deprivazione androgenica può aumentare il rischio di demenza

Uno studio osservazionale ha trovato che la terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) può aumentare il rischio di demenza negli uomini con tumore alla prostata. La terapia di deprivazione androge …

Informazioni mediche ? MediExplorer.it: un database con più di 28.000 notizie

Esercizio fisico e rischio di eventi cardiovascolari nelle donne con carcinoma alla mammella metastatico

Le malattie cardiovascolari sono una delle principali cause di morte tra le donne con carcinoma mammario metastatico. Non è noto…

Efficacia, sicurezza e qualità di vita con terapia a basse dosi di bacillo di Calmette-Guérin per cancro della vescica non-muscolo invasivo

La dose ottimale di bacillo di Calmette-Guérin intravesicale per il trattamento del cancro della vescica non-muscolo invasivo è controversa. Uno…

L’assunzione di caffè può ridurre il rischio di cancro del colon-retto

Un’analisi dei dati dello studio MECC ( Molecular Epidemiology of Colorectal Cancer ), condotto in Israele, ha mostrato che il…

Oncologia Newsletter

ALERT Oncologia !
Top News / Carcinoma mammario avanzato

Palbociclib associato a Letrozolo nelle donne in postmenopausa con cancro alla mammella: i risultati finali confermano l’efficacia della combinazione

I risultati finali dello studio PALOMA-1 di fase II hanno confermato l’efficacia di Palbociclib più Letrozolo ( Femara ) nelle pazienti in postmenopausa con tumore alla mammella metastatico HER2-negat …
Tumore del polmone non-a-piccole cellule

Tumore polmonare non-a-piccole cellule ALK-positivo: Crizotinib migliora la sopravvivenza nella malattia progressiva

I pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ALK-positivo in forma avanzata, trattati con Crizotinib ( Xalkori ) anche durante malattia progressiva, hanno dimostrato una più lunga sopravviven …  

Erlotinib più Onartuzumab nel carcinoma del polmone non-a-piccole cellule in fase avanzata: interrotto prima del previsto lo studio METLung per mancanza di efficacia clinica

Roche ha comunicato che il Comitato indipendente di monitoraggio dei dati ha raccomandato che lo studio di fase III METLung fosse interrotto a causa di mancanza di efficacia clinicamente significativa … 

Efficacia della combinazione Docetaxel e Nintedanib come terapia di seconda linea nel tumore del polmone non-a-piccole cellule

Uno studio, randomizzato, multicentrico, in doppio cieco, di fase 3, ha mostrato che l’aggiunta di Nintedanib a Docetaxel ha prolungato la sopravvivenza libera da progressione tra i pazienti con carc …

Tumore alla prostata

Enzalutamide migliora l’esito nel carcinoma della prostata indipendentemente dall’età

Una analisi post-hoc dello studio di fase 3 AFFIRM, ha mostrato che Enzalutamide ( Xtandi ) prolunga in modo significativo la sopravvivenza generale, la sopravvivenza senza progressione radiografica …
Tumore del colon e del retto

Antitumorali: prima del trattamento con Erbitux è necessario dimostrare lo stato senza mutazioni di RAS ( esoni 2, 3 e 4 di KRAS e NRAS )

Merck Serono, in accordo con l’European Medicines Agency ( EMA ) e l’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ), ha informato gli operatori sanitari della seguente modifica apportata all’indicazione terape …
Glioma

Alti tassi di sopravvivenza a lungo termine per i gliomi di basso grado in età pediatrica

Gli adulti che sono sopravvissuti a glioma a basso grado in età pediatrica hanno dimostrato un’eccellente sopravvivenza malattia-specifica a lungo termine. I pazienti sottoposti a radioterapia hanno …

Malattia oncologica – OncoBase.it: Motore di Ricerca in Oncologia

OncoBase.it: Motore di Ricerca in Oncologia

https://oncobase.it/

Xagena ha realizzato un database, che può essere interrogato come un motore di ricerca, sulle Novità in Oncologia, facile da utilizzare e rapido nella ricerca.

parole chiave

Xagena ha realizzato un database, che può essere interrogato …

Testa-collo

… del tumore al polmone non-a-piccole cellule e del tumore …

Risultati per Taxolo

Risultati per Taxolo. OncoBase.it. Motore di ricerca in Oncologia …

Risultati per Sutent

Risultati per Sutent. OncoBase.it. Motore di ricerca in Oncologia …

Risultati per tumore vescica

Risultati per tumore vescica. wrap_text. Terapia di …

Tumore

Molti pazienti con tumore alla vescica non-muscolo-invasivo …

Tumori Newsletter

.
ALERT Oncologia !
Top News / Farmaco in grado di ripristinare le funzioni del sistema immunitario nei pazienti oncologici 

Keytruda, un farmaco bloccante PD-1, per il melanoma avanzato: approvato dalla FDA

La FDA ( Food and Drug Administration ) ha concesso l’approvazione accelerata per Keytruda ( Pembrolizumab ) per il trattamento dei pazienti con melanoma avanzato non-resecabile o non più responder ad …

ESMO Congress

Melanoma in fase avanzata: Cobimetinib più Vemurafenib dimezza il rischio di peggioramento della malattia rispetto al solo Vemurafenib

I dati dello studio di fase III coBRIM è stato presentato all’ESMO ( European Society of Medical Oncology ) 2014 Congress. Dallo studio è emerso che i pazienti con melanoma avanzato positivo alla mut …

Trattamento del cancro gastrico PD-L1-positivo in fase avanzata: tasso di risposta globale del 31% con Pembrolizumab

I dati sull’uso di Pembrolizumab ( Keytruda ) nel tumore gastrico PD-L1-positivo, in fase avanzata, sono stati presentati al ESMO ( European Society for Medical Oncology ) 2014 Congress. I primi ri …

Nivolumab, un inibitore del checkpoint immunitario PD-1, nel melanoma avanzato, trattato in precedenza con Ipilimumab

I risultati dello studio in aperto, randomizzato, di fase III, CheckMate -037, che ha messo a confronto Nivolumab ( Opdivo ), un inibitore del checkpoint immunitario PD-1, e la chemioterapia scelta da …

Pembrolizumab nei pazienti con carcinoma uroteliale avanzato: tasso complessivo di risposta del 24% nei pazienti con tumore PD-L1-positivo

I dati sull’uso sperimentale di Pembrolizumab ( Keytruda ), un farmaco anti-PD-1, nel tumore uroteliale avanzato ( anche conosciuto come cancro della vescica ) positivo per PD-L1 sono stati presentati …


MediExplorer.it: il database di News validate per i Medici

Il carcinoma a cellule basali dell’orecchio è più aggressivo rispetto ad altre localizzazioni su testa e collo

Secondo le revisioni della patologia, i carcinomi a cellule basali ( BCC ) sull’orecchio si presentano più comunemente come sottotipi aggressivi. Non è chiaro se questa osservazione istologica si traduca in tumori clinicamente più … Leggi

Incidenza di complicanze diverse da incontinenza urinaria o disfunzione erettile dopo prostatectomia radicale o radioterapia per il cancro alla prostata

Gli studi sulle complicazioni legate a chirurgia o radioterapia per il carcinoma prostatico si sono focalizzati soprattutto su incontinenza e disfunzione erettile. È stato condotto uno studio per valutare altre importanti complicanze associate … Leggi

Everolimus per donne con carcinoma alla mammella HER2-positivo avanzato e resistente a Trastuzumab

La progressione della malattia in pazienti con carcinoma mammario positivo per HER2 in trattamento con Trastuzumab ( Herceptin ) potrebbe essere associata ad attivazione della via di segnalazione intracellulare PI3K/Akt/mTOR. È stato condotto … Leggi

Inibitori del checkpoint immunitario nel trattamento del tumore del polmone non-a-piccole cellule

Mentre i vaccini hanno il compito di stimolare la risposta immunitaria specifica per un antigene tumorale, gli inibitori del checkpoint immunitario hanno il compito di eliminare le limitazioni alla maggior parte delle risposte immunitarie mediate … Leggi

 

Novità nella terapia dei Tumore all’ovaio

Carcinoma dell’ovaio con mutazione BRCA: inibitori PARP

Il tumore all’ovaio rappresenta il 30% circa dei tumori dell’apparato genitale femminile ed il 3% di tutti i tumori femminili.
Nel 15-20% dei casi si riscontra un aspetto familiare o ereditario che riguarda le mutazioni dei geni BRCA1 e BRCA2. In circa 1/4 dei casi però l’alterazione BRCA non è ereditaria ma è presente solo nel tessuto tumorale.

Presso l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena ( IRE ) nell’ultimo anno sono state 450 le pazienti con neoplasia ovarica o mammaria sottoposte allo screening genetico mentre 2078 le famiglie complessivamente studiate presso l’ambulatorio per i tumori eredo-familiari della mammella e dell’ovaio. I
ll 65-70% delle pazienti con neoplasia ovarica è già stata valutata per mutazione germinale BRCA ( analisi fatta su campioni di sangue ) mentre la ricerca di mutazione somatica ( analisi molecolare fatta sul tumore ) avviene su tutti i nuovi casi operati in Ginecologia Oncologica IRE. Quest’ultima indagine permette al 12% in più di pazienti di accedere alle terapie a bersaglio molecolare. ( CONTINUA )

Tumore al pene: ricostruzione dell’organo

Cancro del pene: ricostruzione totale del pene con un lembo di avanbraccio

Utilizzando un lembo dell’avambraccio sinistro è stato ricostruito totalmente il pene a un paziente di 40 anni, a cui era stato amputato per l’insorgenza di un tumore.
L’intervento è stato eseguito presso l’Ospedale Molinette della Città della Salute di Torino.

Il tumore si era presentato come una piccola neoformazione sul glande, a cui non era stata data molta importanza.
Dopo alcuni mesi la lesione ha assunto dimensioni maggiori.
Alla visita urologica la lesione è risultata sospetta per un tumore infiltrante del pene.
Il paziente è stato quindi sottoposto a una biopsia, che ha confermato il sospetto: tumore avanzato del pene.
L’uomo è stato sottoposto a un intervento altamente demolitivo, che è consistito nell’asportazione della quasi totalità del pene e dei linfonodi inguinali.
Il trattamento, in considerazione della grande aggressività del tumore, è stato completato con un ciclo di chemioterapia. ( CONTINUA )

ASCO 2018 Report by Xagena

KEYNOTE-042 – Trattamento di prima linea del tumore al polmone non-a-piccole cellule avanzato: Pembrolizumab in prima linea più efficace della chemioterapia nei pazienti con espressione di PD-L1 uguale o superiore all’1%

Sono stati presentati i dati di KEYNOTE-042, uno studio di fase III, multicentrico, condotto su un’ampia casistica di pazienti con …

Leggi articolo

KEYNOTE-407: efficacia di Pembrolizumab più chemioterapia in prima linea nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule squamoso in fase avanzata

I risultati ad interim dello studio di fase III KEYNOTE-407, hanno mostrato che la combinazione di Pembrolizumab ( Keytruda ), …

Leggi articolo

IMPower 131: efficacia di Atezolizumb associato a chemioterapia, come prima linea, nel tumore al polmone non-a-piccole cellule squamoso, avanzato, indipendentemente dalla espressione di PD-L1

L’aggiunta dell’immunoterapico anti-PD-L1 Atezolizumab ( Tecentriq ) alla chemioterapia di prima linea con Carboplatino e nab-Paclitaxel nei pazienti con tumore …

Leggi articolo

 

 

Cancro alla prostata: Zytiga associato a terapia di deprivazione androgenica come prima linea

Congresso ASCO – Tumore alla prostata metastatico ad alto rischio: Abiraterone associato a terapia di deprivazione androgenica come trattamento di prima linea

Nei pazienti con una forma aggressiva di tumore alla prostata, ovvero ad alto rischio metastatico già al momento della diagnosi, l’aggiunta di Abiraterone ( Zytiga ) al trattamento ormonale standard ha dimostrato di essere efficace nel mantenere stabile la malattia, e quindi allungare la sopravvivenza, con più del 50% dei pazienti ancora in vita a 41 mesi di follow up ( valore mediano ).
I dati dello studio di fase 3 LATITUDE, effettuato su 1.200 uomini, hanno mostrato che Abiraterone ha diminuito il rischio di morte del 36%.

Secondo Giuseppe Procopio, responsabile Oncologia medica genitourinaria della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, questi dati hanno delineato un cambio di paradigma nel trattamento di uno dei tumori alla prostata più aggressivi.
Il risultato terapeutico osservato nello studio LATITUDE, dato dall’uso precoce di Abiraterone, è comparabile a quello della chemioterapia. La differenza con la chemioterapia è che Abiraterone è un farmaco orale e ben tollerato, in grado di migliorare la qualità di vita.
Inoltre, i dati del lungo follow-up forniscono ulteriore evidenza alla possibilità di cronicizzare questa malattia neoplastica. ( CONTINUA )

Epatocarcinoma: Cabometyx in pazienti già trattati

Congresso ASCO – Tumore epatico in fase avanzata, Cabozantinib migliora la sopravvivenza globale

Solo il 10% dei casi di tumore epatici è diagnosticato nella fase iniziale quando l’intervento chirurgico può essere risolutivo.
In Italia vivono circa 27.745 persone dopo la diagnosi di questa neoplasia, rappresentando l’1% del totale dei pazienti oncologici.
Si tratta di un tumore con percentuali di guarigione ancora basse, infatti solo il 20% è vivo a cinque anni dalla diagnosi.

Lo studio di fase III CELESTIAL ha valutato Cabozantinib ( Cabometyx ) su più di 700 pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato, precedentemente trattati.

L’Italia ha avuto un ruolo importante in questa ricerca, con l’Istituto Humanitas di Rozzano ( Sezione Tumori Apparato Gastroenterico diretto da Lorenza Rimassa ) in primo piano. ( CONTINUA )

Carcinoma renale a cellule chiare: Keytruda come prima linea

Congresso ASCO – Carcinoma renale a cellule chiare: il tasso di risposta globale è stato pari al 38.2% con Pembrolizumab in monoterapia in prima linea

I risultati di una analisi ad interim dalla Coorte A dello studio di fase II KEYNOTE-427 su 110 pazienti, che ha valutato Pembrolizumab ( Keytruda ), un inibitore del checkpoint immunitario PD-1, nel trattamento di prima linea del carcinoma renale a cellule chiare ( RCC ) metastatico hanno mostrato un tasso di risposta globale ( ORR ) del 38.2% nei pazienti che hanno ricevuto Pembrolizumab in monoterapia.

In una analisi esplorativa prespecificata di sottogruppo, basata sullo stato di PD-L1, la risposta globale era pari al 50% nei pazienti i cui tumori esprimevano PD-L1 ( CPS maggiore o uguale a 1 ).

All’analisi esplorativa prespecificata di sottogruppo basata sulle categorie di rischio secondo IMDC ( International Metastatic Renal Cell Carcinoma Database Consortium ), la risposta globale è stata pari al 42% nei pazienti a rischio prognostico intermedio / sfavorevole. ( CONTINUA )