Melanoma BRAF+ metastatico: associazione Encorafenib e Binimetinib

Melanoma metastatico con mutazione BRAF, il trattamento con Encorafenib, un anti-BRAF, e Binimetinib, un anti-MEK, aumenta la sopravvivenza globale rispetto a Vemurafenib in monoterapia

Dallo studio di fase III COLUMBUS, che ha coinvolto pazienti con melanoma metastatico BRAF-mutato, è stato osservato un miglioramento della sopravvivenza globale ( OS ) mediana di 33.6 mesi nei pazienti trattati con la combinazione di Encorafenib, un anti-BRAF, e Binimetinib, un anti-MEK, versus 16.9 mesi nei pazienti trattati con Vemurafenib ( Zelboraf ) in monoterapia.

La combinazione ha anche ridotto il rischio di decesso rispetto al solo Vemurafenib ( hazard rate, HR=0.61; IC al 95% 0.47, 0,79; P inferiore a 0.0001 ).
Inoltre, la sopravvivenza globale a 2 anni nel gruppo trattato con la terapia combinata è risultata del 58%. ( CONTINUA )

Precedente Carcinoma epatico: gli antiacidi sono efficaci ? Successivo Carcinoma a cellule di Merkel: Bavencio