Carcinoma uroteliale con alterazioni FGFR: Erdafitinib

Congresso ASCO – Carcinoma uroteliale metastatico con alterazioni FGFR: promettenti risultati con Erdafitinib

Uno studio di fase 2 ha mostrato che il trattamento con Erdafitinib ha prodotto risposte durature in pazienti con carcinoma uroteliale metastatico ( mUC ) o non-resecabile, e alterazioni del recettore del fattore di crescita dei fibroblasti ( FGFRalt ).

I recettori FGFR sono proteine che, se alterate, possono contribuire allo sviluppo dei tumori. Le alterazioni si presentano in circa il 20% dei pazienti con carcinoma uroteliale metastatico.

BLC2001 è uno studio di fase 2 in aperto e multicentrico volto a valutare l’efficacia e la sicurezza di Erdafitinib nel trattamento dei pazienti adulti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico, i cui tumori presentano determinate alterazioni FGFR. ( CONTINUA )

Precedente Tumore tenosinoviale a cellule giganti: Pexidartinib Successivo Carcinoma alla mammella: terapia ormonale versus chemioterapia